INSEMINAZIONE INTRAUTERINA

Tecniche PMA di I livello - tecniche in vivo

IUI – inseminazione intrauterina

L’inseminazione intrauterina è una tecnica di I livello, è la più semplice e meno invasiva.
Prevede la raccolta del liquido seminale e la sua preparazione in laboratorio PMA, per essere depositato nell’utero allo scopo di facilitare il concepimento.
Questa tecnica favorisce l’incontro tra gameti femminili e maschili, migliorandone la qualità ed incrementandone la densità.
L’inseminazione è una tecnica in vivo: ovociti e spermatozoi si incontrano come in una fecondazione naturale all’interno del corpo femminile.
La procedura di inseminazione si svolge in ambulatorio, non richiede anestesia per la donna, non procura dolore e non necessita di particolari accorgimenti successivi e la donna può riprendere subito le normali attività.
Può essere necessario ripetere più di una volta la IUI, fino a tre-sei tentativi, per aumentare le probabilità di successo prima di ricorrere ad una tecnica più complessa.

Percorso del trattamento di I livello – IUI

  • eventuale lieve stimolazione ovarica con l’assunzione di farmaci da parte della donna, per aumentare il numero degli ovociti che maturano durante un singolo ciclo mestruale ed agevolare una migliore maturazione dell’ovocita;
  • monitoraggio ecografico ed ormonale per gestire l’eventuale assunzione di farmaci e/o l’evoluzione di un ciclo spontaneo, al fine di programmare la corretta tempistica della tecnica;
  • il giorno dell’inseminazione:
    ​1. avviene la raccolta del liquido seminale, e sua preparazione in laboratorio PMA con tecniche (swim up) che permettono di selezionare e migliorare la qualità degli spermatozoi, potenziandone la capacità fecondante. ​
    2. si introducono degli spermatozoi così trattati nella cavità uterina per via transvaginale tramite uno specifico e sottile catetere. ​
    3. viene prescritta una terapia di supporto della fase luteale (post-ovulatoria), al fine di agevolare l’eventuale impianto dell’embrione.
    - dopo circa 14 giorni dalla inseminazione si effettua un prelievo di sangue per il dosaggio ormonale della beta HCG che rileva l’eventuale gravidanza iniziale, anche nel caso siano sopraggiunte perdite ematiche similmestruali.

Probabilità di gravidanza: sono circa del 10-15% per trattamento e sono significativamente condizionate da fattori quali l’età della donna, la presenza di patologie associate e la qualità del liquido seminale.
Bambini nati da inseminazione: La tecnica di inseminazione non comporta ripercussioni sulla salute del bambino nato, dal momento che la fecondazione dell’ovocita da parte dello spermatozoo avviene all’interno del corpo della donna come in una fecondazione naturale.

Approfondimenti:
Percorso PMA

La nostra équipe CIPA è a disposizione per informazioni e chiarimenti​